2. Materiali
3. Tecnologie
4. Requisiti di progettazione
CAPITOLO 1 - TIPOLOGIE COSTRUTTIVE
1.1 - EVOLUZIONE STORICA DEI TELAI AUTOMOBILISTICI
1.1.3 - Gli Anni '50

A partire dagli anni ’50 e per circa un ventennio, la domanda del mercato automobilistico fu molto elevata, superiore in generale all’offerta delle Industrie che poterono quindi soddisfare le esigenze produttive e sfruttare al meglio le economie di scala: ciò portò alla diffusione sempre più estesa della scocca stampata in acciaio, facile da assemblare in grande serie e con costi unitari estremamente competitivi per volumi produttivi elevati.

Parallelamente le vetture di nicchia presentavano soluzioni diverse.

La Chevrolet Corvette del 1953 rappresentò la prima applicazione a vetture di produzione della fibra di vetro, impiegata per la realizzazione dei 46 componenti della carrozzeria. Il telaio era uno Space Frame in acciaio.

Chevrolet Corvette (1953)


Demonstration of lightweight fiberglass
(GM Media Archive)



1953 Chevrolet Corvette - Click to enlarge
(Photo by Raymond Wong, Quad Photo)


1953 Corvette - Body and frame


Nel 1959 la Maserati introdusse la vettura da competizione Tipo 60, con un telaio reticolare costituito da 200 tubi di acciaio con diametri di 10, 12 e 15 mm., formanti un complesso reticolo che diede alla vettura l'appellativo di “Birdcage”.

Nella parte anteriore la struttura si sviluppava su tre piani orizzontali collegati tra loro da reticoli triangolari con elementi secondari di rinforzo nei punti di maggiore sollecitazione. Le parti restanti della struttura erano più semplici e rinforzate ai nodi mediante fazzoletti di lamiera traforata.

Le deformazioni elastiche dei tubi, realizzati in acciai di qualità medio-bassa, erano progettate per evitare il distacco delle saldature

 

Maserati Birdcage (1959)

1961 Maserati Tipo 61 Birdcage Cutaway Drawing
(James Allington Collection)

Mercury (1950) - Telaio a longheroni
(fonte: J.M.Flammang "Cars of the fabulous '50s", Publications International, Ltd, 1995)
 
 
Copyright 2001-2010 Marco Traverso - All Rights Reserved